La Volley Reghion torna sconfitta dalla trasferta di Benevento

Non riesce la “missione” per le reggine di strappare qualche punto contro la squadra campana

Una sconfitta per 3-1 per la Reghion, che comunque ha fatto una bella prova contro una squadra costruita per il salto di categoria. Pian piano si è migliorato e si è vista la concentrazione, sia in difesa che in attacco, dopo alcune gare in cui si è visto un blackout che più volte ha accompagnato le ragazze durante questa parte di stagione.

Primo set che inizia con il primo punto a favore della Reghion, a siglarlo Capitan Buonfiglio.

Nel proseguo del parziale le padrone di casa vanno avanti sfruttando buone giocate e qualche errore della formazione reggina.

Però la Reghion con le giocate di Martino e Fiorini riesce a tenere colpo su colpo nonostante uno svantaggio di 4 punti per le biancoblu.

Lo svantaggio, però, aumenta e la Reghion non riesce a tenere i colpi della formazione giallorossa, che si porta a più 8, e Mister Corso ricorre ad un timeout per riorganizzare la squadra.

Al ritorno in campo la Reghion prova a farsi sentire con capitan Buonfiglio e Fiorini, ma Benevento non si fa intimorire e continua il proprio assalto e fa suo il set per 25-16.

Nel secondo parziale la Reghion parte bene con una ottima prova corale, le ragazze reggine giocano con un ottima concentrazione difendendo molto bene e recuperando palloni su palloni.

La formazione ospite riesce ad arrivare sul più 3 grazie ad un punto realizzato furbescamente da De Araujo, e conseguentemente, vede chiamare il timeout per la formazione di casa.

Al ritorno in campo, Benevento recupera il mini svantaggio, ma la Reghion è brava a tenere il colpo e ne esce un set molto più agguerrito rispetto al primo.

La formazione calabrese, punto dopo punto, aumenta il proprio vantaggio grazie alle giocate di Martino e Fiorini e sul più 5 costringe al secondo timeout la formazione giallorossa.

All’uscita dalla sospensione, le reggine continuano l’assedio con  Fiorini in versione “hammer time” e si portano sul 17-11, grazie anche l’ottima difesa corale che hanno svolto le reggine.

La Reghion non molla di un centimetro la propria avanzata, De Franco sfodera muri e fast che fanno aumentare il vantaggio per le reggine e a dare manforte anche Capitan Buonfiglio e De Araujo, che realizza un altro punto come una volpe.

La formazione reggina, però, ha un piccolo calo che permette così alla formazione campana di riportarsi più vicina sul meno 5, ma le biancoblu sono brave a resistere e riescono a portare il match in parità sulla’1 a 1 finendo il set per 25-18.

Terzo set che vede Benevento partire forte con un 2-0 sulle reggine, che però sono brave a reagire e tornare in gara e ritrovare la parità (5-5) con una buona prova corale.

Martino fa due ace consecutivi e insieme a Fiorini  fanno sí che Mister Ruscello chiami subito un timeout per riorganizzare la formazione di casa.

Le giallorosse ne escono bene al ritorno in campo, e riescono a rimontare e trovare il 9 pari.

Ne esce un set che vede le due squadre tirar fuori tutta la grinta che hanno, e rispondere colpo su colpo e palla dopo palla, sul 13-12 per le giallorosse Mister Corso chiama le sue in panchina per riorganizzare e approfittare per un break.

Alla ripresa però Benevento ne ha di più, e riesce a costruire un margine di 4 punti che la Reghion riesce a dimezzare, ma le padroni di casa riescono nuovamente a tornare sul più 4 e sul 20-16 ancora una sospensione chiamata da Mister Corso.

Le reggine cercano di contrastare il Benevento, ma non riesce a ricucire il distacco, e così facendo concedono il set  alle campane, dopo una vera battaglia che ha visto una Reghion molto combattiva e grintosa.

Finisce 25-21 e si va sul 2-1 per il Benevento.

Quarto parziale che inizia con le padroni di casa decise a chiudere il match, ma la Reghion è di tutt’altra idea e prova a tenere colpo su colpo, ma le giallorosse sono galvanizzate dal set vinto in precedenza e riescono a mantenere un margine di 3 punti e sul 13-9 vede chiamare timeout da Mister Corso.

Al rientro la situazione cambia poco per le reggine, che purtroppo non riescono ad arrestare la corsa delle giallorosse, decise più che mai a chiudere il match nonostante gli assalti delle reggine.

Benevento fa crescere il divario tra le due squadre portandosi sul più 5. Però la Reghion non vuole mollare e realizza una grande rimonta e si porta sul meno 1 con un ace di Antonella De Franco e Mister Ruscello chiama le sue in panchina per provare a fermare l’avanzata delle biancoblu.

Al ritorno in campo De Franco regala il 20 pari alla formazione calabrese, e Capitan Buonfiglio il primo vantaggio del set. Le formazioni arrivano sul 23 pari dopo una rimonta grandiosa delle biancoblu, che vanno di pari passo sul 24-24, ma le campane però riescono a chiudere con Valentina Russo dopo un batti e ribatti(26-24). Vince Benevento per 3-1 ma la Reghion esce a testa più che alta, dopo un match che l’ha vista dare filo da torcere ad una formazione che fino ad oggi ha una sola sconfitta e ricopre la seconda posizione classifica. Le reggine con la gara di stasera concludono il 2021 con una prestazione dalla quale escono abbastanza soddisfatte nonostante la sconfitta. Ora si tornerà in palestra dopo feste per preparare il match contro Battipaglia che decreterà la fine del girone d’andata.

"Abbiamo sbagliato qualche palla, come le chiamo io le 'palette'" - ha dichiarato Mister Corso - che escono fuori dagli schemi.

Il risultato mi sta stretto, perché un punto lo potevamo portare a casa, abbiamo sbagliato in battuta e non si può di certo regalare punti ad una squadra come questa - ha proseguito -

l’indecisione arbitrale sulla battuta del Benevento poteva forse cambiare qualcosa, ma ormai il risultato è questo e va accettato.

Complimenti a loro, al loro opposto, al centrale che ci hanno fatto tribolare - va avanti -

stiamo crescendo pian piano. Quest’anno abbiamo trasformato un gruppo, sono 12 elementi nuovi, non era facile far gruppo e sistemare alcune cose come battuta, ricezione, difesa, attacchi, eccetera - ha concluso - per fare quadrato ce ne vuole, speriamo di salvarci il prima possibile, si va avanti pensando a risolvere i nostri errori che stasera sono stati banali su alcune cose come nella battuta, e questa sera è mancata ma sul piano del gioco invece li stavamo mettendo sotto".