Calabria, elezioni nei Comuni sciolti per mafia: la decisione del Cdm

Il Consiglio dei Ministri indica i Comuni sciolti per mafia che andranno al voto entro il mese di maggio 2021

Calabria alle urne nel 2021 per le attese elezioni che dovranno ristabilire l'equilibrio, purtroppo, instabile del Governo regionale in seguito alla tragica e prematura scomparsa del Presidente Jole Santelli. Il Consiglio dei Ministri ha deciso che, pandemia permettendo, andranno al voto anche i Comuni sciolti per infiltrazioni mafiose.

Alle urne i Comuni commissariati per mafia

"Le elezioni dei Comuni i cui organi sono stati sciolti ai sensi dell'articolo 143 del Testo unico delle leggi sull'ordinamento degli enti locali, già indette per le date del 22 e 23 novembre 2020, sono rinviate e si svolgono entro il 20 maggio 2021. Fino al rinnovo degli organi di cui al primo periodo è prorogata la durata della gestione della commissione straordinaria".

Questo quanto si legge nel comunicato presente sul sito del Governo, relativo al Cdm n.90 di mercoledì 13 gennaio 2021.

Chi vota in Calabria

In particolare, in Calabria, le elezioni nei Comuni sciolti per mafia interessano i Comuni le cui elezioni erano state rimandate lo scorso novembre:

Casabona e Crucoli, in provincia di Crotone, e Delianuova e Siderno, in provincia di Reggio Calabria.