Comunali Reggio, da FdI appoggio a Minicuci. Forza Italia non molla. L’Udc resuscita

La coordinatrice regionale Wanda Ferro: 'Siamo in prima fila'. Poi bussa alla porta della Santelli. E lo scudocrociato arruola Antonino Mileto

Mentre Antonino Minicuci - candidato a sindaco per la Lega in attesa di ufficializzazione – passeggia in centro a Reggio Calabria dove ha già preso casa, a Roma un altro tassello si incastra nel puzzle di questo pazzo centrodestra. Nella riunione romana di Fratelli d’Italia sembra infatti sia arrivato appoggio totale e incondizionato al candidato del carroccio. A testimoniarlo è una nota ufficiale del partito di Giorgia Meloni che per bocca della coordinatrice regionale Wanda Ferro, conferma la lealtà alla coalizione e agli accordi assunti in sede nazionale, reiterando però la richiesta di un tavolo regionale per far tornare in Calabria il pallino delle scelte politiche che ovviamente si intrecciano a quelle regionali, dove gli equilibri sembrano sempre precari. A maggior ragione dopo il cambio di casacca di Raffaele Sainato che da Fratelli d’Italia si è accasato in Forza Italia, sottraendo così una bandierina (presidenza della Commissione regionale Riforme) al partito della Meloni.

“Fratelli d’Italia sarà in prima fila nella sfida per vincere a Reggio Calabria Ci sono state delle interlocuzioni importanti, ma al momento siamo in attesa di una proposta formale da parte degli amici della Lega sull’uomo o la donna che dovrà guidare la coalizione unita del centrodestra”.

Toni distesi, dunque, in una riunione in cui oltre al commissario provinciale Denis Nesci e al commissario della città metropolitana Massimo Ripepi, hanno preso parte anche il consigliere regionale Giuseppe Neri, il capogruppo Antonio Pizzimenti e i consiglieri della città metropolitana Luigi Dattola e Demetrio Marino.

Ma la coordinatrice regionale di Fratelli d’Italia, Wanda Ferro, ha anche aggiunto:

“I tempi stringono e speriamo di iniziare presto la sfida elettorale con un candidato a sindaco rappresentativo della città di Reggio Calabria. Continuiamo a chiedere nel frattempo un tavolo regionale di coalizione per scegliere insieme anche i restanti candidati a sindaco e per affrontare insieme tutte le importanti sfide che ci attendono per il rilancio della regione”.

Non sembrano invece essersi ancora placati gli attriti con Forza Italia. E quindi con il deputato Francesco Cannizzaro che sta provando disperatamente a rimescolare le carte. La presenza in città di Minicuci però sembra aver chiuso la partita. L’attesa visita di Matteo Salvini che potrebbe essere a Reggio nel fine settimana, visto che giovedì a Palazzo Madama si voterà sull'autorizzazione a procedere per il caso Open Arms, dovrebbe di fatto aprire la campagna elettorale del centrodestra.

Mai dire mai, certo, ma alla fine la mediazione e alcuni aggiustamenti per posti di comando importanti a Palazzo San Giorgio (vicesindaco e assessorato di peso) potrebbero suggerire la calata degli scudi da parte degli azzurri.

La coalizione, intanto, pare trarre vantaggio dalla presenza di Minicuci, e secondo i soliti ben informati anche l’Udc, dopo gli scossoni ed alcuni abbandoni delle ultime settimane, potrebbe ritornare in auge e starebbe pensando anche ad allestire una lista, dove potrebbe trovare posto anche qualche deluso dell’esperienza comunale targata Giuseppe Falcomatà, come Antonino Mileto.