Comunali Reggio, ultimi colpi in canna per i 9 candidati. Adesso parola agli elettori

Tra comizi, ‘porta a porta’ ed incontri in città, nel ‘last day’ c’è anche chi, continua a fare volantinaggio

C’è fermento in città.

In ogni angolo, per le strade, si parla solo ed esclusivamente delle prossime elezioni comunali (il referendum passa nettamente in secondo piano) e la domanda tra ‘compari’ in città è la sempreverde ‘ma tu a cu voti?’.

E l’interrogativo apre le porte ad un’infinità di risposte. Nessuna però contiene il nome e il cognome di uno dei nove candidati. Bocche cucite, dunque. Anche tra ‘compari’.

Ad un paio d’ore dal silenzio elettorale imposto dalle ore 00:01 di sabato 19 settembre, tutti i candidati vanno a caccia del voto dell’ultimo minuto, nel ‘last day’ delle elezioni comunali più strane e bizzarre di sempre.

Rimbalzano sondaggi sui social e su Whatsapp con percentuali ed intenzioni di voto. Ma nessuno, ad oggi, sa come andrà a finire. Ed il bello, diciamolo, è proprio questo.

Il sindaco uscente Giuseppe Falcomatà, che questa mattina ha incontrato in video conferenza il ministro Gualtieri, chiude la campagna elettorale con il comizio a piazza Duomo.

Lo sfidante principale, Antonino Minicuci, a distanza di pochi metri, sceglie piazza Castello come agorà del suo ultimo appello alla città.

Anche Maria Laura Tortorella, candidata a sindaco con ‘Patto Civico’, sale sul palco di piazza Duomo per poi spostarsi successivamente a Piazza Sant'Anna.

Mentre il pentastellato Fabio Foti chiude la campagna elettorale in compagnia della deputata reggina Federica Dieni e del consigliere comunale di Villa San Giovanni, Milena Gioè a piazza Camagna.

Tocca poi ad Angela Marcianò parlare alla città, in serata, sempre a piazza Duomo.

E se per i candidati Fabio Putortì e Pino Siclari, non vi è traccia in questo ultimo giorno di campagna elettorale, Saverio Pazzano sceglie ancora una volta i quartieri della città per i suoi ‘comizi d'amore’.

Ma c’è un candidato, tra tutti, che brilla per simpatia, spirito d’iniziativa e ‘faccia tosta’.

E’ Klaus Davi. Pantalone blu, maglietta nera e volto stremato dal caldo e dalla fatica degli ultimi giorni.

A piazza De Nava, Sergio Mariotti, interrompe il corso delle macchine, avvicina i propri santini fin dentro le autovetture e ricorda la sua candidatura. Insieme ad un suo fido compagno di lista, il massmediologo, abbandona social e tv dunque e si tuffa in mezzo alla gente in stile ‘Klaus Davi’.

La corsa dei nove candidati sta per terminare. CityNow ha già valutato la campagna di ciascuno con il ‘pagellone’ finale.

Tra social e piazze vere i nove duellanti si contenderanno il consenso degli elettori tra promesse e stoccate reciproche.

Stanno per arrivare dunque gli ultimi fuochi. Da domani però tutti in silenzio e fari spenti sullo show politico.

E finalmente, la parola passa agli elettori.